Agevolazioni tariffarie

Esistono alcune categorie di utenti (aziende o privati) che possono richiedere agevolazioni tariffarie per l’utilizzo dell’acqua potabile.

  • Tariffa uso agricolo
  • Tariffa uso zootecnico
  • Tariffa uso frantoi
  • Tariffa appezzamenti a difesa del territorio
  • Tariffa immobili proprietà comunale/metropolitana
  • Tariffa per impianti sportivi

 

TARIFFA USO AGRICOLO

La Tariffa uso agricolo è pari al 50% della tariffa “Uso Domestico Non Residente” per i vari scaglioni di consumo. Tale tariffa è applicabile alla seguente tipologia di attività identificata nella categoria “Coltivatore diretto” (colui che coltiva il fondo con il lavoro prevalentemente proprio e di persone della sua famiglia – art. 1647 del Codice Civile).

Per ulteriori informazioni sul procedimento accedi a: SportelloSemplice

TARIFFA USO ZOOTECNICO

La Tariffa uso zootecnico è determinata in misura pari al 37,5% della Tariffa “Uso Domestico Non residente”. Tale tariffa è applicabile a coloro che esercitano l’allevamento del bestiame e/o attività di trasformazione del latte, con il lavoro prevalentemente proprio e di persone della propria famiglia (sono richiamate per intero le disposizioni di cui ai commi 2 e 3 dell’art. 2135 del Codice Civile).

Per ulteriori informazioni sul procedimento accedi a: SportelloSemplice

TARIFFA USO FRANTOI

La tariffa uso frantoi è determinata in misura pari al 37,5% della Tariffa “Uso Domestico Non residente”. Tale tariffa è applicabile a coloro che svolgono attività di produzione di olio ad uso alimentare, con il lavoro prevalentemente proprio e di persone della propria famiglia, nonché delle cooperative agricole (sono richiamate per intero le disposizioni di cui ai commi 2 e 3 dell’art. 2135 del Codice Civile).

Per ulteriori informazioni sul procedimento accedi a: SportelloSemplice

TARIFFA APPEZZAMENTI a DIFESA del TERRITORIO

La tariffa agevolata appezzamenti, ha come obiettivo la salvaguardia e la cura del territorio e la difesa dello stesso dall’incuria e dall’abbandono.

Per ulteriori informazioni sul procedimento accedi a: SportelloSemplice

TARIFFA IMMOBILI PROPRIETA' COMUNALE/METROPOLITANA

La tariffa in questione è riferita ai seguenti immobili di proprietà comunale/metropolitana:

  1. Sede del Comune;
  2. Uffici comunali;
  3. Magazzini comunali;
  4. Sede della Città Metropolitana di Genova e dei relativi Uffici distaccati;
  5. Scuole dell’infanzia;
  6. Scuole primarie;
  7. Scuole secondarie;
  8. Biblioteca;
  9. Museo;
  10. Parco;
  11. Giardino;
  12. Cimitero;
  13. Servizi igienici pubblici (docce,comprese quelle su spiagge libere, bagni)
  14. Fontana di qualunque dimensione e portata;
  15. Impianti sportivi (vedi tariffa sotto).

 

TARIFFA PER IMPIANTI SPORTIVI

La Città metropolitana, condividendo il principio che lo sport ha una funzione sociale, ha istituito, altresì, una tariffa apposita che, di fatto, riduce il costo dell’acqua pagata dai Comuni o dai gestori di impianti sportivi comunale o di interesse comunale del territorio metropolitano, fra cui principalmente le piscine. La tariffa per la componente acquedotto è stata abbassata a soli 16 centesimi al metro cubo, mentre le altre due componenti ossia quella per il servizio fognatura e quella per il servizio di depurazione sono rimaste agli stessi valori delle utenze comuni.

Per ulteriori informazioni sul procedimento relativo ai Comuni e Società Sportive in convenzioneaccedi a: SportelloSemplice

 

Norme generali per l’utilizzo delle tariffe agevolate

 

  • La richiesta è presentata dall’utente alla Società Operativa di gestione (S.O.T.).
  • La S.O.T. verifica che la richiesta sia correttamente e integralmente compilata e la inoltra all’Ente di Governo dell’Ambito Territoriale Ottimale Centro – Est della Città Metropolitana di Genova inserendola nell’apposita sezione del sito.
  • La durata dell’autorizzazione è a tempo indeterminato.
  • All’utente sarà applicata la tariffa in vigore, stabilita dall’Autorità d’Ambito, per l’uso assentito.
  • L’utente è obbligato a comunicare all’Ufficio d’Ambito A.T.O. Centro – Est e alla Società Operativa Territoriale eventuali variazioni dei requisiti di ammissibilità richiesti al momento del rilascio dell’agevolazione tariffaria.
  • L’utente è obbligato a comunicare all’Ufficio d’Ambito A.T.O. Centro – Est ogni anno il pagamento della seconda rata dei contributi previdenziali, qualora dovuti, anche mediante dichiarazione sostitutiva di certificazione (solo per tariffe agricole, zootecniche e uso frantoio).
  • L’Ufficio d’Ambito A.T.O. Centro – Est della Città Metropolitana di Genova si riserva di verificare, anche a campione, il possesso dei requisiti dichiarati, provvedendo, qualora ricorrano le condizioni, a pronunciare la decadenza dell’uso autorizzato e a comunicarlo alla Società Operativa Territoriale competente.
  • La dichiarazione di decadenza dell’uso autorizzato, per false o tardive dichiarazioni, comporta, oltre le sanzioni penali, civili e amministrative di legge, la revoca della fornitura, oltre all’addebito del maggior importo dovuto, dato dall’applicazione della tariffa “uso diverso” per i consumi accertati dalla data di perdita dei requisiti.

ATTI di riferimento

  • Decisione della Conferenza dei Sindaci dell’A.T.O. n. 12 del 20 giugno 2005, adottata con Determinazione Dirigenziale n. 3455/0067827 del 30 giugno 2005 con la quale è stata rivista l’articolazione tariffaria che ha comportato anche l’istituzione della tariffa ad uso agricolo e uso frantoio con i relativi importi.
  • Provvedimento Dirigenziale n. 1847 del 29/04/2013 “Definizione della tariffa del Servizio Idrico Integrato per gli anni 2012-2013 relativa al territorio dell’Ambito Territoriale della Provincia di Genova gestito da IREN Acqua Gas S.p.A., Acque Potabili S.p.A., AM.TER. S.p.A., E.G.U.A. S.r.l., Idrotigullio S.p.A., Mediterranea delle Acque S.p.A., Società dell’Acqua Potabile S.r.l. ai sensi della deliberazione dell’AEEG n. 585/2012/R/IDR.
  • Determinazione Dirigenziale n. 3211 del 17/07/2013 “Tariffa appezzamenti a difesa del territorio - Nuova procedura e metodologia di calcolo”.
  • Deliberazione del Consiglio Metropolitano n. 33 del 23/06/2013 “Approvazione tariffa comunale/metropolitana”
  • Deliberazione del Consiglio Metropolitano n. 16 del 29/05/2017 “Approvazione delle tipologie di immobili, dei criteri e delle procedure per l'applicazione della tariffa comunale/metropolitana”